Da quando è uscito Netflix, considerato il più grande servizio di streaming video in Italia e nel mondo, si è creata una sorta di rivoluzione che ha cambiato il modo di vedere e ascoltare contenuti in tutti/e noi.

A fare questo cambiamento nella visione e nell’ascolto di prodotti non è stato solamente il discorso capillarità della piattaforma, ma anche, e soprattutto, il numero sempre crescente di contenuti esclusivi.

Ho parlato di Netflix nel mio articolo “Prima Netflix, poi tutti gli altri“.

Giusto per citarne alcuni dei più famosi presenti solo su Netflix: La Casa de Papel, Bridgerton, Stranger Things, Squid Game e tanti altri.

Nomi che, fino a qualche anno fa, sembrava impensabile potessero avere una popolarità così enorme e di solito accomunata a film usciti al cinema o serie-tv viste sui classici canali della televisione.

Il contenuto in esclusiva quindi è il vero motivo trainante che spinge una persona ad iscriversi ad un determinato servizio e che permetta di godere della visione dei titoli che ormai fanno il giro del mondo.

A quanto pare questa tecnica funziona, basti pensare ai risultati pubblicati dalla stessa Netflix che indica quante volte sono stati visti i contenuti esclusivi più acclamati nella piattaforma (sono espresse in ore nei primi 28 giorni di pubblicazione su Netflix), e vi garantisco che sono cifre veramente enormi; basta guardare l’immagine sottostante presentata dal CEO Ted Sarandos al Code Conference 2021.

Most popular series and film on Netflix
Most popular series and film on Netflix

Questa tabella contiene un estratto di quello che potrebbe rappresentare il futuro della visualizzazione ma anche un modus operandi ben specifico che le grandi piattaforme di streaming intendono adottare e che, a dirla tutta, già stanno facendo: prendere un contenuto locale, che ha già una certa notorietà nel proprio paese ed inserirlo nel proprio immenso catalogo in modo che sia visibile in tutto il mondo.

Molte persone, ad esempio, avranno notato quanto Squid Game, una serie Netflix coreana stia facendo parlare di sé in qualsiasi parte della terra grazie al fatto che Netflix l’abbia presa sotto l’ala, senza considerare che, fino ad ora, non esiste il doppiaggio in italiano, ma lo si può seguire in lingua originale sottotitolato.

Ecco quindi che anche tutte le altre piattaforme competitor e arrivate dopo “l’avvento Netflix” hanno dato il via ad una serie di contenuti esclusivi per chi si abbona.

Ogni piattaforma di streaming gode di vita propria con diverse peculiarità: un account Disney+, ad esempio, è particolarmente indicato alle famiglie con bambini e bambine, mentre Netflix o Amazon Prime Video sono per tutti e tutte, visto che nella parte dedicata ai più piccoli e piccole, non hanno certo lo stesso tipo di catalogo approfondito come la casa di Topolino.

Tutti, come prima specificato, possiedono i loro contenuti esclusivi: se per Netflix, ripetiamo ci sono le “Serie Netflix”, per Prime video ci sono gli “Amazon Original” quando si parla di serie-tv come la tanto gettonata LOL oppure “Amazon Exclusive” per film, documentari e quant’altro presenti solo su quella piattaforma.

Prime Video
Prime Video

Ricordo che per poter godere del servizio Prime Video bisogna essere registrati al servizio Amazon Prime.

Prime Video oltretutto possiede anche alcuni diritti per alcune partite di calcio, ma di questo ne parlo approfonditamente nell’articolo “Calcio in streaming (legale), tutte le possibilità“.

Per Disney+ invece abbiamo due tipi di contenuti esclusivi: “Disney+ Original“, questi fanno parte della “sezione” adatti alla famiglia e “Star Original“, presenti nella parte Star che interessa un pubblico più adulto.

Disney+ Original
Disney+ Original

Giusto per citare due titoli Original di Disney+ abbiamo i film di animazione Luca, ambientato in Italia, e lo splendido Soul.

Non dimentichiamo che dopo essere stato presente su SKY per anni, la serie di fama mondiale The Walking Dead è approdata solamente su D+ per l’ultima stagione.

Siete clienti SKY da anni e volete avere la vostra buona dose di contenuti esclusivi nella piattaforma via cavo?

Le serie “Sky Original” non si fanno di certo mancare e qui è impossibile non segnalare la serie Chernobyl che racconta dettagliatamente le vicende accadute nella notte del 26 aprile 1986.

Sky Original
Sky Original

La particolarità interessante dei contenuti esclusivi è che sono approdati sulla piattaforma italiana RaiPlay, cimentata in prodotti presenti esclusivamente sulla app ancor prima di essere “lanciata” sulla televisione classica.

Per chi non lo sapesse infatti anche RaiPlay ha le sue “Serie Originali” che zitta zitta, sta facendo uscire con una certa frequenza.

Serie Originali RaiPlay
Serie Originali RaiPlay

Concludiamo questa kermesse includendo anche YouTube: proprio così anche uno dei siti più visitati al mondo che contiene una quantità enorme di video caricati dagli/dalle utenti possiede dei suoi contenuti esclusivi chiamata comunemente YouTube Original, questo è il canale ufficiale.

YouTube Original
YouTube Original

Contenuti audio

A fronte di una serie interminabile di contenuti video presenti nelle più disparate piattaforme di streaming video come possono i siti che publicano solamente audio a rimanere al passo e ad aggiornarsi?

In primis per la grande quantità di canzoni che sono al servizio degli/delle utenti; in secundis piattaforme come Spotify ad esempio pubblica regolarmente una grande quantità di Podcast disponibili appunto, solo come Spotify Original.

Qui l’elenco è veramente grande e variegato di scelte segnate dagli Spotify Studios che indicano l’appartenenza di un Podcast a Spotify, (lo notate anche nel simbolo dell’app nell’angolo in alto a sinistra della copertina).

Spotify Podcast
Spotify Podcast

Apple TV+, invece, merita un piccolo approfondimento tutto personale: l’azienda dispone di servizi in streaming video e audio.

Apple TV+
Apple TV+

Apple TV+, per quanto riguarda i video, possiamo definirlo quasi speciale nel suo genere, in quanto possiede solamente contenuti esclusivi e poco altro, infatti, la piattaforma è piuttosto scarna, ma i film e serie tv sono unici solo per TV+.

Mentre per la parte musicale, Apple Music rimane uno dei servizi principali per l’ascolto di musica e, invece del settore Podcast, Apple ha deciso di investire nelle radio: dopo Beats1, ora Music1, all’interno del servizio abbiamo in esclusiva le radio Apple Music Hits e Apple Music Country che propongo pezzi musicali in anteprima.

Apple Music
Apple Music

La differenza quindi tra un servizio ed un altro, che sia di streaming video o audio sta proprio nel differenziarsi e nel carpire quanto più possibile i gusti delle persone, tenerli incollati/e alla piattaforma il più a lungo.


Il 28 ottobre 2021 uscirà anche in Italia Pluto Tv, un altro modo di vedere contenuti sul web in quanto è un app con tutti i canali della casa ViacomCBS che tiene i diritti di nomi come NickelOdeon, Comedy Central e tanti altri.

Perché dico questo?

Perché Pluto Tv, a differenza del nome un pò strambo, è una piattaforma con ben 40 canali visibili ogni volta che si vuole e sarà soprattutto gratuito.

Questo potrebbe, ancora una volta, cambiare il modo di vedere la cara vecchia tv.

Ai posteri l’ardua sentenza.

Scrivetemi sul canale Telegram oppure seguitemi su Instagram.

Ti interessa saperne di più sull’uso del computer e di Windows 10 oppure vuoi assistenza e delucidazioni sull’informatica e tecnologia?

Puoi scegliere tra i corsi online che svolgo insieme a Scuola Didattica Sicura, contattarmi su WhatsApp oppure cliccare sul simbolo di Facebook Messenger che appare in basso a sinistra durante la lettura dei miei articoli.

Immagine di copertina: Photo by John Schnobrich on Unsplash

Felicidad.

Ti potrebbe piacere: