La nuova frontiera dei pagamenti e prestiti digitali sta arrivando in grande stile, alcuni sono già presenti, mentre altri (forse) entreranno nel nostro mercato a breve.

A tal proposito, leggi il mio articolo ” Il futuro dei pagamenti“.

I tempi, soprattutto a causa pandemia da Covid-19, sono cambiati ed hanno portato dei mutamenti notevoli anche nei prestiti di piccole somme di denaro.

Il tutto, ovviamente, è possibile farlo con lo smartphone.

La nuova frontiera dei piccoli prestiti digitali sarà semplice, come inviare un sms, infatti, il tutto si svilupperà all’interno di piattaforme che già conosciamo.

Non dovremo quindi non cambiare le nostre abitudini ma semplicemente approfondirle, capacità che abbiamo imparato a fare durante questi ultimi mesi.

Nello specifico parliamo di quattro nomi a noi ben conosciutI: Apple, Google, PayPal e WhatsApp.

Apple: una funzione attiva solo negli USA per inviare prestiti digitali è parte integrante di iMessage e si chiama Apple Cash, e permette il trasferimento di piccole somme di denaro proprio grazie ad un semplice messaggio.

La messaggistica predefinita per iPhone e iPad è disponibile per i dispositivi con iOS 10 e successivi in tutto il mondo, ma l’invio di denaro, si ripete, è attivo attualmente solo nel mercato statunitense.

Google: dopo un esperimento di Mountain View chiamato Google Tez sviluppato per il mercato indiano, è possibile usufruire del potenziale di Google Pay ed effettuare la ricezione o l’invio di denaro grazie alla stessa app.

WhatsApp: per chi non riesce a fare a meno dell’app di messaggistica più famosa al mondo, ecco che sarà disponibile la possibilità di pagamento tramite la stessa e sarà chiamata semplicemente WhatsApp Pay.

In questo articolo di TestCrunch, si illustra come questa funzione dell’invio di denaro sia in fase di sperimentazione nel territorio indiano, come Google Tez.

WABetaInfo, portale numero uno su tutte le novità dell’applicazione, dimostra in questo tweet come l’interfaccia e la modalità per attribuire la carta alla nostra app sia molto facile ed user-friendly.

PayPal: è forse il nome più conosciuto ed usato per l’invio e la ricezione di denaro. Grazie alla propra app è possibile inviare e ricevere prestiti digitali senza troppe fatiche.

Grazie alla fantastica funzione Money Box, anche la colletta diventa facile.

Per poter attivare una “raccolta 2.0” di denaro basta entrare nel sito ufficiale, oppure cliccare in questo collegamento, e condividere poi tramite le altre app il link per permettere ad amici e parenti di inviare la loro parte.

Quali sono, o saranno, i vantaggi di tutte queste app?

A ben pensarci, i lati positivi derivano dalla modalità velocissima di trasmissione del denaro, il cambio di valuta istantaneo e vengono completamente abbattute le barriere della distanza.

Insomma, come ho cercato di farvi capire, e lo farò sempre in questi articoli, non modifichiamo il contenuto delle nostre azioni, semplicemente il mezzo con cui lo facciamo.

Articolo aggiornato il 26/11/2020.

Ti interessa saperne di più sull’uso del computer e di Windows 10? Segui il mio corso su Udemy.

Immagine di copertina: Photo by Benjamin Dada on Unsplash.

Felicidad.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.